Appalti – Linee guida sulla verifica delle Concessioni

on 1 Febbraio 2021

Come noto, L’ANAC [Autorità Nazionale Anti Corruzione] ha a suo tempo depositato presso la segreteria del Consiglio la delibera n. 570 contenente le Linee guida n. 11 recanti “Indicazioni per la verifica del rispetto del limite di cui all’articolo 177, comma 1, del codice, da parte dei soggetti pubblici o privati titolari di concessioni di lavori, servizi pubblici o forniture già in essere alla data di entrata in vigore del codice non affidate con la formula della finanza di progetto ovvero con procedure di gara ad evidenza pubblica secondo il diritto dell’Unione europea” aggiornate al D.L. 18 aprile 2019 n. 32 convertito con legge 14 giugno 2019, n. 55. La struttura delle Linee guida n.11 è rimasta inalterata e si tratta, quindi delle seguenti piccole modifiche inserite all’interno dell’articolato:

Al paragrafo 3.1 viene aggiunto il riferimento al Decreto-legge n. 32/2019 ed il nuovo testo diventa “Il termine indicato dall’articolo 177, comma 2, del codice dei contratti pubblici, come modificato dal Decreto legge 18 aprile 2019 n. 32, convertito con legge 14 giugno 2019, n. 55 rappresenta il termine finale entro cui i titolari di concessioni affidate senza gara prima dell’entrata in vigore del D.lgs. 50/2016 devono adeguare la percentuale degli affidamenti esterni alle indicazioni normative. L’adeguamento è effettuato man mano che i contratti in essere vengono a scadenza.”;

Al paragrafo 5.6 vengono modificati i termini entro cui devono essere assolti gli obblighi di pubblicazione ed il nuovo testo diventa “Gli obblighi di pubblicazione di cui ai punti precedenti devono essere assolti, in prima applicazione, entro il 31/01/2022 con riferimento al periodo 01/01/2021-31/12/2021 e, successivamente, entro il 31 gennaio di ogni anno con riferimento all’anno solare precedente”.

In pratica nulla di nuovo se non il fatto che le concessioni già in essere alla data di entrata in vigore del Codice dei contratti e che avrebbero dovuto adeguarsi alle nuove norme verranno adeguate entro il 2020.

Ricordiamo che tra i Concessionari, soltanto quelli autostradali possono evitare le procedure ad evidenza pubblica per una quota pari al 40% dei contratti, a differenza degli altri concessionari per i quali tale percentuale scende al 20%; gli stessi, anche dopo lo sblocca cantieri, continuano ad avere un grande privilegio perché mentre dall’entrata in vigore del Codice dei contratti di cui al D.lgs. n. 50/2016 la percentuale del 20% era  uguale per tutti i Concessionari, con la legge di Bilancio 2018 [legge 27 dicembre 2017, n. 205] In deroga a quanto originariamente previsto con il Codice dei contratti i soggetti titolari delle concessioni autostradali sono obbligati ad affidare con procedura ad evidenza pubblica soltanto una percentuale pari al 60% dei contratti di lavori, servizi e forniture di importo pari o superiore a 150 mila euro mentre la restante percentuale del 40% potrà essere affidato alle società in house.

In pratica è continuato a restare in vita il tetto del 60% del previgente Codice dei contratti [D.lgs. n. 163/2006]. Si perpetua, quindi, anche dopo lo sblocca cantieri, il grande privilegio per i concessionari autostradali che continuano a realizzare con società in house il 40% dei contratti di lavori, servizi e forniture. In pratica mentre con il testo originario dell’art. 177 del Codice degli appalti era stabilito che l’80% degli appalti per i lavori autostradali debbano essere affidati tramite gara pubblica, con il nuovo testo successivo all’entrata in vigore della legge di Bilancio 2020 soltanto il 60% dovrà essere affidato con procedura ad evidenza pubblica mentre il restante 40% può essere realizzato direttamente dai Concessionari autostradali senza gara e con società in house.

gianni-milanese

Febbraio 2021 – Fonte A.N.A.C.

Leggi tutto
adminAppalti – Linee guida sulla verifica delle Concessioni

Risk management in Odontoiatria

on 1 Febbraio 2021

Come è noto, il Sistema qualità che fa riferimento alle norme ISO 9001/2015 e ISO 45001:2018 non può prescindere dalla valutazione del Risk Management. Ciò che in questi anni si è andato delineando è un sistema di analisi dei fattori di rischio con l’intento di superare i limiti e ridurre l’incidenza degli eventi sfavorevoli eliminabili. Si è cominciato determinando un modello di indagine che parte dall’evento sfavorevole, prevede l’istituzione di un gruppo di lavoro ergonomia e miglioramento della qualità con il compito di raccogliere i dati in sequenza temporale, fare una prima analisi dei fatti e identificare i due livelli di errore racchiusi in questi fatti.

Leggi tutto
adminRisk management in Odontoiatria

Etica delle TIC – Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione

on 1 Febbraio 2021

L’Etica è una sfida globale per le l’industrie ICT/TIC [Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione] e per le aziende che la utilizzano. La Norma europea [EN] 16234-1, Quadro Europeo di Competenza Elettronica [e-CF] fornisce un riferimento a 41 competenze applicate sul posto di lavoro delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione [TIC], utilizzando una lingua comune per competenze e conoscenze che possono essere compresi in tutta Europa. L’e-CF si adatta all’applicazione da parte di organizzazioni di servizi TIC, utenti e forniture, Multinazionali e PMI, per manager ICT, dipartimenti e individui delle risorse umane, Istituti di istruzione, compresi Fornitori di istruzione superiore e certificazione privata, parti sociali, analisti di mercato, responsabili politici e altre organizzazioni nel settore pubblico e privato.

L’obiettivo del Progetto messo a punto dalla UE è di giungere alla pubblicazione di una specifica tecnica CEN  [CEN/TS] quale parte integrante del “Quadro Europeo di Etica professionale per la Professione di ICT” che includa una metodologia ed una Guida alla sua applicazione. Esso mira a rafforzare la professione ICT in Europa e prenderà in considerazione prospettive sfaccettate degli stakeholder da parte degli organismi nazionali: dell’Organizzazione professionale ICT, dei professionisti delle TIC e delle loro prospettive educative. La deontologia è una componente essenziale di qualsiasi attività professionale. Esempi di spicco si trovano nel Diritto e nella Medicina, dove la comprensione reciproca porta a risultati migliori e differenzia le professioni dei posti di lavoro. Una forza lavoro professionale nel settore delle TIC in tutta la società e nell’industria europea sosterrà e migliorerà lo scambio di risorse e servizi ICT in tutto il Mercato Unico Europeo.

gianni-milanese

Febbraio 2021  – Fonte CEN – UE

Leggi tutto
adminEtica delle TIC – Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione